Carrello
Prodotti
Legno
Ceramica
Metalli
Varie
Tessuto
Gastronomia
Copie d'Autore
Vetro
Preziosi


 
Turismo
VALLE D'AOSTA

Italia
Artigianato
VALLE D'AOSTA
Aosta


   
 
   
Capoluogo Sito web
Aosta www.regione.vda.it
Superficie Abitanti
3.263 km 119.356


Cenni storico - culturali

Dominata nell'antichità dal popolo dei Salassi, la Valle d’Aosta è stata successivamente colonizzata dai Romani che costruirono strade, ponti ed acquedotti e fondarono la città di Aosta. In seguito passò sotto la dominazione dei Burgundi, Ostrogoti, Bizantini e Franchi e successivamente, alla dissoluzione dell'Impero carolingio, passò in mano ai re d'Italia dal X sec., subendo poi le incursioni dei Saraceni.
Dall'XI secolo entrò nell'orbita dei Savoia con Tommaso I e restò a loro soggetta, salvo brevi occupazioni dei Francesi nel 1691 e nel 1704-1706. Napoleone l'attraversò nel 1800 per scendere in Italia, annettendola poi con il Piemonte alla Francia, dalla quale fu staccata con la restaurazione del Regno sabaudo. Sotto i Savoia, così come nel contesto dello Stato italiano, la Valle d'Aosta ha goduto di notevole autonomia politica, confermata nel 1948 dalla promulgazione dello Statuto Speciale in virtù del quale le è assegnata potestà primaria su molteplici materie. Lo stesso Statuto parifica in Valle d'Aosta la lingua francese alla lingua italiana. Durante la seconda guerra mondiale, a partire dal 1943, fu uno dei centri principali della Resistenza. La controffensiva tedesca nell'autunno-inverno 1944 costrinse molti gruppi partigiani a cercare la salvezza oltralpe, ma si riorganizzarono ben presto liberando la valle nell'aprile 1945.
Istituita in regione autonoma, ne assunse la presidenza Federico Chabod. Il territorio della Valle d'Aosta costituisce una delle regioni a statuto speciale, previste dalla costituzione e gradualmente attuate.




Cenni geografici

Autentico tetto d'Europa, la Val d’Aosta ospita le più alte montagne delle Alpi. Fra le oltre 20 vette che superano i 4.000 m ricordiamo il Monte Bianco (4.810 m), il Monte Rosa (P.ta Dufour, 4.634), il Cervino (4.478) e il Gran Paradiso (4.061). L'altezza media della regione è di 2.100 metri e solo il 20% della sua superficie è al di sotto dei 1.500 m. I suoi 210 ghiacciai coprono una superficie complessiva di circa 170 km2. Fra questi il ghiacciaio della Brenva, sul versante meridionale del massiccio del Monte Bianco, scende fino a quota 1.360 m. a poca distanza dall'imbocco del traforo del Monte Bianco. Orograficamente, la Valle d'Aosta ha una forma grossolanamente a spina di pesce, con la valle centrale formata dalla Dora Baltea ed una ventina di valli e valloni laterali che confluiscono da nord e da sud. La valle centrale, nel tratto tra St.Vincent e Villeneuve, è orientata in senso est-ovest, con un versante esposto a nord (envers), umido e boscato, ed uno esposto a sud (adret), molto soleggiato e coltivato a vigna e, in passato, a cereali. Il clima della regione è piuttosto secco poiché le alte montagne che la contornano formano una barriera alle perturbazioni provenienti da ovest. In particolare la valle centrale ha un clima marcatamente arido, con una media inferiore ai 600 mm d'acqua all'anno nel tratto tra Saint-Vincent e Aosta. In questa zona, nel versante all'adret, ritroviamo specie vegetali steppiche come la stipa pennata e mediterranee come il timo (Thymus vulgaris) o i numerosi mandorli della collina di Aosta.



© copyright Leto srl - contact: info@fullarte.it  Condizioni di vendita